obiettivo sentirsi bene
Menu

Come sono cambiate le cose negli ultimi 50 anni

25 settembre 2015 - CRESCITA PERSONALE, SCHEDARIO ARTICOLI

soap-bubbles-817094Come sono cambiate le cose negli ultimi 50 anni. Con l’avvento della tecnologia, dei mezzi di comunicazione di massa, dei computer e di tutti i dispositivi digitali di cui oggi non riusciamo più a farne a meno, la nostra vita è diventata sempre più frenetica, sempre più di corsa. Una volta la domenica assumeva un aspetto diverso dai giorni feriali, i negozi erano chiusi, la maggior parte della gente non lavorava, tranne chi svolgeva lavori socialmente utili (lavoro in ospedale, forze dell’ordine, ecc.) e la proporzione tra le ore svolte lavorando e le ore dedicate a se stessi e alla vita privata era molto più equilibrata. Oggi la maggior parte delle persone non stacca mai la spina e vive una specie di non-stop via una mansione, un’altra, via un impegno, un altro; siamo diventati anche noi dei “dispositivi multitasking” che se non facciamo almeno quattro cose in contemporanea non siamo contenti; e il risultato? Stress, depressione, alterazioni dell’umore, affaticamento mentale, ce la prendiamo con la prima persona che abbiamo vicino e scarichiamo le nostre tensioni su di lei, ecc, ecc. Poi corriamo in farmacia a comprare integratori alimentari per combattere lo stress, per aumentare la concentrazione, per cercare di porre rimedio a questi disastri causati da noi stessi. Forse è arrivato il momento di dire stop, di fermarsi un attimo e rallentare e trovare alcuni rimedi semplici e naturali che ci possano aiutare a riconquistare quella pace interiore, quella giusta dose di calma che tanto ci può aiutare per imparare a vivere in modo sereno. Quello che vi suggerisco oggi è di provare a rilassarvi con l’uso dei sensi. E’ molto semplice e allo stesso tempo vi può portare grandi benefici. Grazie alla vista potete scegliere di fermare il vostro sguardo su ciò che vi circonda; se vi trovate in un ambiente naturale, campagna, lago, mare o montagna non avrete alcun sforzo da fare per vedere le bellezze della natura, come ad esempio camminare la mattina presto sulla riva di un lago sulla cui superficie si specchiano il cielo e gli alberi circostanti, oppure in montagna passeggiando nel bosco e in campagna per le stradine sterrate tra i campi; se non vi trovate in questi luoghi potete facilmente fare entrare in gioco la vostra immaginazione; basta chiudere gli occhi e immaginare di essere nel luogo che più vi piace, dove siete già stati o con un po’ di fantasia dove vorreste andare e che ancora non conoscete; soffermatevi ad ascoltare le belle sensazioni che queste visualizzazioni vi portano. L’altro senso di cui potete servirvi è l’udito; scegliendo se ascoltare musica classica, oppure i suoni della natura, il rumore di un ruscello, il canto degli uccelli o anche semplicemente lo scoppiettio del fuoco del camino, il tic-tac dell’orologio e anche il silenzio ha un suo suono particolare…Non possiamo dimenticare che ci si può allietare anche grazie all’olfatto assaggiando piatti gustosi, dolci o salati che provocano molto piacere al palato e se desideriamo possiamo inebriarci col profumo dei fiori grazie al nostro senso chiamato odorato. Lascio per ultima la sensazione di rilassamento e calma che ci regala un dolce bagno caldo con le bolle di sapone che ci accarezzano la pelle. Queste sono tutte piccole cose che possono sembrare banali ma se le prendete in considerazione con lo stato d’animo di apprezzare, provando gratitudine poiché ne godete, esse vi porteranno molto beneficio e giorno dopo giorno rallenterete il vostro correre e vi sentirete sempre meglio.

Se ti è piaciuto questo post, condividilo sui tuoi social!
Pin It

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>